INTERVISTE

Sa Razza Intervista 1995

Chi ha risposto a queste domande è Quilo (ex KG), dal momento stesso che vi parla è significativo del fatto che Sa Razza è viva, come sempre del resto.
Quindi ora stringete il culo, perché sta per fottervi ancora. Saccaa!! Das cumprendia!?!!

RF: A cosa è stata dovuta la vostra assenza, per così tanto tempo dalle scene?

Quilo: Inizio subito con il dire che la nostra non è stata una ritirata, non siamo mai morti; eravamo lì, tranquilli per i cazzi nostri osservando ciò che avveniva nel degradante scendaio dell’Ip Op nazionale.
Nel fratempo ci siamo rilassati, allenati ed abbiamo studiato tutto ciò che è Black Music, dal Fank al Soul perchè fare del buon Rapp non è una cazzatina da poco come molti invece pensano, Ya’Know??

RF: La formazione del gruppo è cambiata?

Quilo: Si, più di un anno fa Sa Razza si è disgregata nel senso che, Io Quilo, ho liquidato chi si tritava i coglioni ogni giorno ed ho ereditato il nome, di mia creazione sin dall’inizio come i testi e le idee. Mi sono trovato da solo nel portare avanti tutti i progetti musicali, ma per poco perché subito ho reclutato nella CRICCA altri validi HomeBoys sardi e non;
La formazione comprende: Wigsoo (produzioni musicali e controllo console), Ruido (seconda voce ed ottimo ScrachMan), Quilo (voce nel FANKSARDO), 3trIS (produzione musicale con Workstation a Torino) e tanti altri che collaborano attivamente con noi.

RF: Cosa vi ha spinto a cantare in sardo?

Quilo: Le liriche metriche viaggiano tra il sardo e l’italiano, il tutto farcito di SleenG da ALTA SCUOLA che và gustato da chi ha il palato fino!!!
Sa Razza è stato ufficialmente il primo gruppo che ha usato Sa Limba sopra ritmiche IPOP. L’intuizione iniziale è il risultato di una semplice formula: Sardo SONO, Sardo Rappo! E spacco!!! Inoltre la nostra lingua è metricamente più plasmabile, mentre l’italiano è molto più tecnico e spigoloso. Il sardo ha un lessico dolce ed aspro alla stesso tempo, ci puoi giocare, creare uno SlenGG unico!

RF: Che argomenti trattate attualmente nei vostri testi?

Quilo: Come ho specificato, Sa Razza si è allontanata da tutti e tutto, lasciando le strumentalizzazioni politiche alle cosidette “Posse”. Raccontiamo storie di sardi rilassati nella loro isola, un territorio difficile, descriviamo ciò che vediamo, offendiamo chi ci sta sopra i coglioni, esaltiamo noi stessi e la nostra gente, non ci riteniamo un gruppo IPOP, ma una grande CRICCA sarda che comprende tutti quelli che i sentono Sa Razza!!!

RF: A quale stile di Hip Hop più vi accostate?

Quilo: Per quanto riguarda lo stile da noi prediletto, veniamo dal mare e questo spiega già tutto, Ya’KnoW!?

RF: Come avete vissuto quel momento di successo nazionale? Come vi cambiato?

Quilo: Il “successo” iniziale dovuto al BOOM delle “posse” ha contribuito ad ingrassare la nostra rassegna stampa ma non ci ha montato la testa.

RF: In questa pausa avete continuato le attività live?

Quilo: I concerti live erano cosa rara a causa del nostro cachè troppo alto, Bisness neVa Personal, le proposta discografiche, purchè svantaggiose, arivavano puntuali.

RF: Che significato date al nome “Sa Razza”?

Quilo: Sa Razza è sinonimo di CRICCA, una grande gang che comprende tutti i sardi dentro e fuori il territorio, un concetto che abbraccia tutta la nostra gente, che continua a mettersela nel culo a vicenda, mentre dovrebbe richiamare i sardi a tirare a fora is callones!
Ma tutto questo senza mandare messaggi ammonitori con moraline del cazzo, raccontiamo a nostro modo la vita del terrritorio sardo.

RF: Dite qualcosa che non vi ho chiesto, ma che avreste voluto dire.

Quilo: Sa Razza est pro torrare frisca!!! …e se vi interessa il mio parere sulla nuove uscite, dalla Pina ai Next diffusion è solo merda che và ad aggiungersi a tutta l’altra merda già presente sul mercato, una nota positiva solamente al lavoro dei Sangue Misto da considerarsi per lo meno una buona produzione.

Intervista estratta dalla Fanzine “Resto Fuori” Novembre 1995

Comments

Sign In