INTERVISTE

Wigsoo Intervista: La Fossa – TRE

babox>Il disco è finalmente uscito sei soddisfatto al 100% del lavoro che avete sfornato o credi che potevate fare di più?

Wigsoo> Sono molto soddisfatto del prodotto finale, però non mi pongo limiti, so dove posso arrivare sia come producer di beat sia come mc, so dove tutto il gruppo può arrivare e non è solo questo. Una cosa che non si era capita 3 anni fa, quando uscì il secondo disco, è che non avevamo potuto lavorarci sopra come avremmo voluto, infatti “Around the Rionez” uscì dopo solo 3 mesi di lavoro in studio, una cosa impensabile per un prodotto discografico curato a dovere, per questo oggi con l’uscita di “3” ci si accorge che allora si potevano solo intravedere le potenzialità del gruppo e ti assicuro che io sono già a lavoro su beat nuovi per migliorarmi ancora.

Quanto è stato importante per il cd l’ingresso di Martinez e quanto è contata l’assenza nel disco del Moro e di Biggaman?

Bisogna capire una cosa fondamentale, La Fossa nasce da una mia concezione, conseguentemente anche il suono che caratterizza il gruppo è lo stampo esatto di un idea ben precisa che ho sviluppato negli anni. Martinez mi ha affiancato in tutto il lavoro ed è stato molto ultile soprattutto per quanto riguarda l’aspetto tecnico della produzione, bisogna però fare attenzione, perché il suono de La Fossa è il suono di Wigsoo e il cd sarebbe comunque uscito curato allo stesso modo, con o senza Martinez, con o senza il Moro o Bigga. Con questo non voglio sminuire il lavoro ed il merito di nessuno, ognuno di noi ha dato il suo contributo ed ha sudato per la realizzazione di quello che è “3”. Bisogna aggiungere che all’inizo del progetto Martinez non c’era,il suo posto era occupato da CETTA, produttore sempre della zona, che già in precedenza aveva partecipato alla realizzazione di alcune basi del cd “Italy’s most wanted” dei Flaminio Maphia (colgo l’occasione per salutarlo).

Nel cd mi son rimaste impresse particolarmente tre canzoni NEL TUO RICORDO, CLINICA 2001 e UN’ALTRA STORIA sono delle canzoni che non mi aspettavo da voi che scrivete testi molto più duri. Come sono nate?

Se analizzi bene i testi i pezzi non sono affatto semplici anzi… sono tre pezzi che rispecchiano 3 momenti di vita di questi ultimi 3 anni, raccontano episodi che ci hanno profondamente segnato, sono testi molto personali e non sono affatto leggeri. Non è detto che un pezzo debba essere duro solo perche ci infili 2 o3 parolacce. Zero, bisogna andare oltre, analizzare i contenuti per poter giudicare. Questo,a parer mio, è uno dei mali dell hip-hop italiano.

Con una canzone come IN MEXICO non c’è il rischio che vi siate troppo allontanati dalla realtà sarda o ha bisogno di un’altra interpretazione?

Allora IN MEXICO è un pezzo che non ha bisogno di nessuna interpretazione parla di un viaggio immaginario fatto in Mexico, dove l’inizio di una contesa finisce in una bevuta, siccome la base suonava latina, per via delle chitarre, abbiamo fatto in modo che la storia fosse ambientata in Mexico, se no poteva anche intitolarsi in Sardegna o in Sicilia o in culo…

Su TECNICHE PERFETTE dite “C’è chi su muove su beat perfetti, c’è chi ti riempe la testa di concetti c’è chi in sostanza è nulla…” vi riferite a qualcuno in particolare della scena italiana?

Sì a tutti a nessuno, alla scena che è malata per mancanza di sostanza, manca la verità, siamo stati accusati un sacco divolte di fare i gangsta ,ma solo chi ci conosce sa come siamo veramente, sa che persone siamo e dove possiamo arrivare. Forse quelle stesse persone che ci accusano, e tra l’altro non l’hanno mai fatto in nostra presenza, dovrebbero pensare che è inutile curare i beat e sputare sentenze se poi si è finti, io dico che chi si vuole confrontare può farlo… purchè il confronto sia costruttivo. Sinceramente mi sono rotto le palle di avere a che fare con chi parla solamente per far prendere aria ai denti, anche perchè poi si oltrepassa la soglia di sopportazione che sfocia in azioni o in comportamenti dove noi siamo sempre i cattivi e gli attacca brighe (perchè le diamo) e gli altri si sentono sempre autorizzati a cagare il cazzo in nome dell’hip-hop. Questo non mi va bene..

Nel ritornello di CLINICA 2001 Lopez dice “Cerco scontri vari e oltre allo specchio vedo chi mi butta merda in concetti” non vi contraddite visto ke se qualcuno vi butta della merda sarà perchè avete cercato scontri o sbaglio?

Il tutto è fatto in maniera ironica,come se volessimo dire che noi facciamo l’opposto, cioè non andiamo a cercare niente a nessuno e poi per come ti dicevo prima puntualmente vengono fuori gli eroi di turno a romperti i coglioni con le solite storie.

In THIS IS MY HIP HOP Gravez dice: “Puoi parlare di hip-hop, ma con in mano i soldi, senza contanti ok ma dimmi come svolto…” quindi per voi un MC che non ha soldi non potrà mai sfondare?

Non è questo il punto il punto,è che per adesso in Italia gli unici mc che hanno potuto fare i soldi e hanno sfondato nel mercato discografico, ma soprattutto possono vivere dalla loro musica, sono i cosidetti “gruppi commerciali”, quindi la frase di Gravez vuole intendere che nessuno ancora è riuscito a sfondare col vero street sound perchè di mc senza una lira ma pieni di talento ce ne sono tanti anche in Italia. Però se non hanno un supporto commerciale non vanno da nessuna parte.

Sempre in THIS IS MY HIP HOP tu dici “Puoi non capirmi non accettarmi perché il mio modo crudo può non piacerti” credi che il vostro stile e anche canzoni come QUANDO LA TROIA SUCCHIA o UN BUCO IN PIU’ possano condizionare la vostra carriera o comuque le vostre vendite?

Certamente, però noi intendiamo il rap come una musica molto personale e comunque siamo coscenti che con pezzi del genere potrebbe essere quasi impossibile ritagliarci un ampio spazio nel mercato discografico. Però una delle motivazione che ci spinge a continuare è proprio quella di fare la nostra roba, come ci piace, come la sentiamo e viviamo… oggi più di ieri.

La vostra prima traccia si intitotila “Fuori dalle Tombe – Resurrezione” e i Flaminio Maphia sono usciti con un album dal titolo “Resurrezione”, la riflessione può sembrare stupida o sbagliata, ma questa coincidenza dimostra che qualcosa in comune ce l’avete ancora in quanto a contenuti, quindi perchè rispetto al passato, nessun featuring in questo cd con i Flaminio Maphia?

Prima di tutto l’uguaglianza tra il nostro titolo della traccia 1 “Fuori dalle Tombe – Resurrezione” e il titolo dei Flaminio maphia è del tutto casuale, per quanto riguarda invece la mancanza di featuring è data soltanto dall’impossibilità di vederci. Consideriamo G-Max e Rude dei grandi amici e speriamo in futuro che si crei l’occasione di fare ancora una volta qualcosa insieme.

Chi sono Simone Balia e Loredana Fadda?

Sono due bravissimi cantanti della nostra zona che hanno partecipato in due pezzi del cd e che come noi condividono l’amore per la black music.

Nei rigranziamenti del cd si legge un nome importante della scena sarda: K.Wild, a cosa ha contribuito?

K.Wild è un AMICO che personalmente stimo tantissimo perchè è una delle poche persone coerenti col modo di pensare e di essere, un grande uomo che merita rispetto.

Il tour di presentazione del CD vi porterà anche fuori dall’isola?

Secondo le previsioni la promozione dovrebbe portarci fuori dall’isola,sono comunque tutte cose che stiamo definendo.

babox

Comments

Sign In