INTERVISTE

Caddish Intervista: Progetto Beatbull

Gabriele Galietta in arte Caddish nasce il 24 marzo del 1981. E’ una delle figure piu’ conosciute nel panorama Hiphop cagliaritano. Oltre ad essere un ottimo deejay ha contemporaneamente portato avanti la passione per la rap e dal 2000 lavora costantemente assieme ai suoi soci ad un progetto discografico chiamato Beatbull Recordz. Innumerevoli sono state le sue collaborazioni con artisti della penisola. In occasione del famoso Lunedi’ Del Lido, di cui e’ dj resident da oramai 7 anni, siamo andati a scambiare quattro chiacchere con lui.

Ci puoi raccontare le tue origini artistiche?

Io ho sempre voluto fare il dj da quando avevo 8 anni i primi approcci sono nati grazie a mio padre che collezionava vinili specialmente quelli della Motown e passavo ore a sentire musica con lui, poi ho conosciuto uno dei pochissimi dj Hiphop in citta’ (DJ Andy NDR), parliamo del 1992-1993 c’e’ ne saranno stati due o tre in tutto. Da quel periodo ho fatto tipo “Karate Kid” e ho iniziato a fargli da porta borse. Nel 1993 la mia prima serata in una Jam tipo rave in un capannone. Come rapper faccio musica stabilmente da allora il 1993 e sono il “Ceo And Chairman” della Beatbull Recordz che penso e spero in molti conoscano, visto il successo internet che i miei artisti riscuotono!

Quali sono i gusti musicali di dj Caddish?

Diciamo che tra i miei artisti preferiti o meglio quelli che ascolto nel tempo libero ci sono: Bobby Womack, Al Green, Notorious Big, Ornella Vanoni, Enzo Carella, in macchina invece ascolto di tutto dal cha cha cha della segretaria a Kylie Minogue, insomma penso che un buon dj ne debba sapere un po’ di tutto della musica che circola anche solo come spunto o ispirazione!

In 15 anni di carriera, nel corso degli anni qual’e’ stato il genere musicale alla quale hai puntato in assoluto nei tuoi set?

Ho sempre e solo suonato Hiphop in discoteca, per quello che riguarda le serate nei night ho suonato di tutto ma in discoteca anche quando non andava e anzi mi fischiavano ho sempre e solo suonato Black Music. Poi per mia fortuna dal 2000 in poi e’ iniziato ad andare di moda.

Non sei solo un dj ma anche un rapper affermato. Quali sono le collaborazioni piu’ importanti che hai avuto nella tua carriera?

Come rapper sono a contatto con le migliore realta’ nazionali anche solo sotto forma di amicizia. Sono stato dj anche per Turi, Esa, Flaminio Maphia, Danno e altri. A livello di Rap pero’ preferiamo collaborare tra artisti Beatbull per conservare la freschezza artistico-concettuale del nostro manifesto musicale. La collaborazione piu’ importante l’abbiamo fatta io e BravoPie con il jazzista di fama mondiale Brian Auger.

Cosa e’ il progetto Beatbull Recordz?

Il progetto Beatbull nasce nel 2000 e’ una indie label che ha l’intento di produrre rappers cagliaritani. Al momento abbiamo pubblicato svariati video su Youtube ricevendo parecchi riconoscimenti. Nella scuderia tra gli artisti troviamo Baio, BravoPie, Zifunk, Nacho, Mattaman, Blaza e me stesso. Abbiamo anche un team di produttori che includono Aru, Zidio, Rikboy, Brano e lo stesso Zifunk.
La Beatbull tra l’altro produce mix tapes per gare di tuning e legati a quel tipo di cultura abbiamo pubblicato piu’ di venti prodotti con il nostro marchio tutti sold out.

Il lunedi’ del Lido e’ una delle serate storiche nella scena hiphop cagliaritana! Cosa rappresenta per te questa serata?

Il lunedi’ del Lido e’ un po’ come l’inizio dell’estate per molta gente io sono in forze a questa discoteca dal 2001 ma facevo il giovedi’.
Poi la Blacksolutions mi ha voluto nel 2002 nella serata del lunedi’ e a quei tempi ragazzi veniva giu’ la discoteca davvero! Penso che sia l’unica serata in citta’ dove la gente puo’ ballare la Black senza doversi sorbire generi che non centrano nulla immezzo. Alla fine direi anche che e’ la serata piu’ copiata come concept e quella dove si vendono piu’ bottiglie nei prive’ ahahahh!

Ti sei tolto tante soddisfazioni nella tua carriera. che consiglio puoi dare ai giovani che amano la rap e cercano di ritagliarsi uno spazio nel panorama cagliaritano?

Il consiglio maggiore che possa dare a chiunque si avvicini a questo tipo di lavoro e’ restare umili ma di farsi valere. Non tentare di bruciare le tappe, non sentirsi arrivati dopo che si suona in un paio di posti, io l’anno scorso su 365 giorni ho fatto all’incirca 320 serate e continuo a pensare che c’e’ da lavorare. Insomma consiglio una genuina passione per l’eccellenza ma con il cervello collegato!

Che progetti hai per il futuro?

Ho appena chiuso un lungo contratto come dj con la Costa Crociere azienda leader mondiale nel suo campo, diciamo che nel mio futuro ci sono porti di 40 citta’ dal nord Europa all’Africa e serate non stop per 6 mesi. Una volta tornato cercheremo di portare avanti il progetto Beatbull e ovviamente continuerò nei giorni in cui non sono imbarcato a suonare in citta’ perchè io la mia citta’ la amo! A prescindere dai soldi o dalle serate.

Un saluto agli utenti?

Volevo mandare un mega abbraccio a tutte le persone che mi hanno supportato. Ai miei fans di myspace dove grazie a loro in un anno ho superato le 60000 visite e anche a tutti coloro che hanno cliccato i nostri video che hanno tutti superato le 10000 visualizzazioni, volevo salutare la mia ragazza Elma che e’ anche il mio consigliere e anche i miei genitori che mi hanno attaccato alle mani 10 pezzi d’oro!
Un salutone anche a tutta la Beatbull e a tutti i vostri lettori e ricordatevi hold on be strong!

Comments

Sign In