RECENSIONI

Kaizer – Artcore | Recensione

Kaizer è un giovane mc che abbiamo già avuto modo di apprezzare circa un anno fa con “Kappa”, disco di cui “Artcore” conserva tutte le interessanti premesse, dalla buona scrittura delle strofe al taglio dei beat. Il titolo è la crasi tra arte e core (cuore), a sua volta l’incrocio tra le parole richiama il termine hardcore e indica, appunto, un approccio al Rap molto personale, un modo di concepire l’espressione artistica come una rappresentazione del proprio punta di vista, senza alcuna forzatura o adesione a schemi altrui. In altre parole Kaizer è alla ricerca di una dimensione originale e creativa, obiettivo che possiamo considerare centrato: l’mc (autore anche di buona parte dei beat) confeziona un prodotto che si lascia ascoltare, i testi sono abbastanza personali e risultano decisamente credibili, il sound rispecchia le atmosfere del disco (per “Conscience”, “Leucotomia” e “La marcia di chi suda” sono state utilizzate delle strumentali americane), l’insieme è, quindi, più che apprezzabile.

(Bra)

fonte: http://www.rapmaniacz.com/old_site/KaizerARTcore.htm

Comments

Sign In