INTERVISTE

Califoxi Intervista: Prima di tutto una cricca di amici

Califoxi, prima di tutto una cricca di amici. Dodici anni insieme di questa crue emergente come dodici sono le gustosissime tracce di sound funk, prodotte da Andrea Piraz e con diversi interessanti featuring.
Li abbiamo voluti intervistare per conoscerli e presentarli al pubblico del nostro portale.
Le influenze di Sottotono e l’esperienza cagliaritana dei SardoTriba riecheggiano in buona parte della loro produzione, ascoltabile nel myspace www.myspace.com/califoxi

La nascita si intreccia nei ricordi dell’adolescenza…

Zack faceva gia’ freestyle alle medie e scriveva già qualcosa con Row B (al tempo Zampa), White ed Enry hanno iniziato un po’ per gioco in prima superiore: le lezioni non ci interessavano e quando non giocavamo a dadi scrivevamo qualche rima, poi con Zack abbiamo iniziare a registrare qualche strofa al “Canta tu” coinvolgendo Tune e Any G e Fask al tempo che stava nell’ARS crew.
Ai tempi si ascoltavano Wu tang, Bone Thugs-n-Harmony, Onix, insomma niente paraocchi. Poi “Sotto Effetto Stono” e “Saloon” ci hanno aperto gli occhi, invogliandoci a vedere se eravamo in grado; grazie a “2001” (altro album dei Sottotono, ndr) tutto è cambiato: suoni potenti e morbidi, timbro preciso e niente urla: relax! In tutti questi anni, a livello personale, non abbiamo mai combinato un cazzo, mai portato a termine nulla, ma la musica l’abbiamo scoperta e portata avanti con passione, e sempre noi, perchè siamo amici da tanto davvero. Questo ha fatto sÏ che si creasse una crew compatta, non sono tanti i gruppi che a 26 anni possono dire, con orgoglio, di aver iniziato insieme e, 12 anni dopo, di avere ancora la stessa passione del primo giorno.

“Califoxi”, un nome molto curioso! da dove nasce?

E’ facilmente intuibile: Cali sta per California, il nostro posto ideale da cui provengono le nostre influenze musicali, la nostra passione per la musica; Foxi è la zona dove abbiamo passato la nostra infanzia e che tutt’ora bazzichiamo.
La Califoxi è una cricca formata da amici che hanno frequentato gli stessi posti per anni, questo ci aiuta molto perchè non si semplifica ad un progetto musicale, se non ci fosse il funk noi faremo qualsiasi cosa potendo contare l’uno sull’altro. E’ questa la Califoxi: una grande famiglia; Enry, Zack e D.White rappresentano la CaliFoxi con il Funk, siamo solo dei portavoce.

Poi è arrivato questo bel cd…

E’ un cd easy listening, vario in tutto e per tutto, dagli argomenti, alle produzioni, ai featuring. » l’album che abbiamo sempre voluto far uscire sin da quando scrivevamo i primi scarabocchi, ma non avevamo ancora nè i mezzi nè le capacità per farlo. Ora grazie anche all’appoggio di Aru e Mr Piraz e molta altra gente che ci ha dato una mano (good bless ya), finalmente “Sognando Cali” è fuori.
Sono 12 tracce con produzioni a cura di Docc free e J Locc dei DPZ, Faskio (il nostro homeboy from Foxi), Row B Studio 9, Rik Boy e Aru, che tra l’altro ha prodotto un intro e outro da panico; per i featuring abbiamo AnyG, Tune, Row B, Bravo Pie, Tormento e Mr Piraz al talkbox! Yaknowhatimen?

Alcool, street life e buoni sentimenti, dentro c’è un po’ di tutto…

Partiamo proprio dai rapporti sentimentali con “Dimmi Che Mi Ami” (il pezzo con Tormento, ndr) una perla secondo noi. Yoshi è un grande e si è dimostrata una persona alla mano, disponibile e come ci aspettavamo era un argomento adatto a lui e alla sua soul attitude, Wess Wessyooo e “Un altro Playa” (produzione di Fask e ritornello di Tune) un fine storia spensierato affrontato a modo nostro.
L’atmosfera che si respira in tutto il cd è puro funk espressa forse al meglio da “Real Passion” prodotto da Aru con AnyG al ritornello: da perdersi dentro.
Per continuare c’e’ la party song per eccellenza “Ci Ricaschi” prodotta da Row B che per l’occasione infila una delle sue strofe piu’ bomba “giiiahh!…”. A spezzare l’atmosfera G-funk ci pensa il nostro amico Rik Boy che confeziona un beat gangsta esplosivo. Se volete qualcosa di piu’ strong mandate in play “Shake” e non vi pentirete…Cagliari rappresent….for shure!
A completare il tutto oltre alle parti in talk, il missaggio e il mastering sono affidati a Mr Piraz quindi la qualità audio è pi˘ che garantita.

Al primo ascolto contiene un sound molto particolare, tutt’altro che banale e scontato, dei testi e dei cantati che ricordano molto l’esperienza Sardotriba, il toolbox di Piraz, c’è qualche riferimento particolare e influenza a noi familiare….”Sognando ancora”, “Lato mare”…spiaggia, homies, donne, voglia di divertirsi…

Siamo contenti che dalla nostra musica traspaiano le nostre radici: se per quanto riguarda il rap made in USA i nostri miti erano Pac, Snoop, Dr Dre, Dogg Pound, Dj Quik e comunque in generale il rap della Westcoast, in Italia chi soddisfaceva appieno le nostre esigenze musicali erano i Sottotono: “Sotto Effetto Stono” è un classico e ha ancora da insegnare a molti rapper che credono di essere al top. Ci vuole umiltà e pi˘ rispetto. Torme e l’Area Cronica erano una spinta per noi, si poteva fare qualcosa di buono anche in Italia, il funk non era piu’ cosÏ lontano. Quando uscÏ “Saloon” era panico! Il funk from Cagliari esplodeva. Impossibile non svenarsi sentendo un cd cosÏ west come nessuno l’aveva mai fatto, senza parlare delle produzioni; ancora adesso ascoltando “Sognando Ancora”, “Puoi Fidarti”, “Dinai o Pilla” si può capire quanto erano avanti, contando che rimangono ancora bellissime canzoni a distanza di anni.
Crediamo davvero che manchi proprio Makoo nella scena e continuiamo a sperare che possa riaprire il “Saloon”.
Il funk non puo’ morire sinchè ci saranno donne, sole, mare, palme, alcool e voglia di divertirsi, di vivere. Il funk è questo: positività, cercare il lato divertente delle cose anche la dove è nascosto.

Progetti immediati e futuri?

Progetti immediati: spingere il nostro cd il pi˘ possibile, essendo il primo cd ufficiale, dobbiamo stripparci molto, visto che non abbiamo ancora le credenziali giuste. Sai com’e’? Stiamo valutando di affidarci ad una etichetta che ci distribuisca, nel frattempo cercheremo di muoverci per conto nostro tra live e stampe fisiche, intanto abbiamo in programma la partecipazione in un po’ di mixtapes con Row B, gli Fm e altri progetti con Fask e altri.

Sbaglio o il vostro “prodotto” si vuol rivolgere a un pubblico forse un po’ di nicchia?

Il termine “prodotto” non ci piace, la nostra musica non nasce per essere rivolta ad un target particolare o definito, ma comunque sappiamo bene che si tratta di un genere sottovalutato, almeno qui in Italia, dove non c’e’ grande mercato.
Riceviamo richieste del cd soprattutto da Giappone, Francia, Olanda e California qui in Italia meno.
Soprattutto se contiamo che da noi i cd si masterizzano anzichè comprarli, nel resto del mondo c’e’ più rispetto per gli artisti, che oltre che impegno e dedizione spendono soldi difficili da recuperare.

Scena hiphop isolana e locale, tanti gruppi, forse troppi, voi vi discostate molto a livello artistico…tante invidie, critiche, e basso livello oppure una rinascita musicale?

Non abbiamo ancora incontrato persone gelose o invidiose, anzi nella musica abbiamo trovato un punto d’incontro con tante persone e tanti artisti appassionati come noi. Le critiche servono sempre, purchè siano costruttive, se sono risultato di invidia non portano mai a nulla di buono, nella scena si scannano l’uno con l’altro, non abbiamo tempo per queste cazzate.
Crediamo che la scena abbia molto da offrire, ci sono tanti artisti di ottimo livello che meriterebbero davvero più attenzione, allo stesso tempo ce ne sono altri che secondo noi ne hanno troppe rispetto al loro livello artistico, in pi˘ chi organizza eventi invita sempre le stesse persone. Ci sarebbe bisogno che cambino un po’ le cose: un bel ritorno alle vecchie jam dove veniva gente da tutta la Sardegna. Change the game!

Dateci ora un buon motivo perchè un ragazzo dovrebbe comprare un vostro album… e dove possono trovarlo…

Uno: perchè ci stiamo sbattendo tanto da tutti i punti di vista, possiamo assicurarvi che nessuno degli step per fare uscire il nostro modesto album è stato facile.
Secondo perchè, peccando di presunzione, siamo convinti di avere impacchettato proprio un bel cd che, proprio per la sua varietà, potrebbe essere gradito sia dagli amanti del funk, che dal pubblico finora estraneo al genere.
L’album potrà essere ordinato e direttamente acquistabile da noi in versione fisica, sia in myspace (www.myspace.com/califoxi) che in negozi di cui comunicheremo i nomi, oppure semplicemente mandando una mail a califoxi@gmail.com, per le versioni digitali ci affideremo alla Pirames che venderà l’album su vari portali, che dire, se decideranno di comprarlo sapranno dove trovarlo.

Ringraziamo profondamente chi ci spinge per amicizia, passione o rispetto, la redazione di Crastulo per questa intervista, Mr Piraz per la sua disponibilità e la dedizione dimostrata. Grazie agli arrangiamenti di Mp e di Aru, alle collaborazioni tra rappers e producers. Questo album sarà comunque una soddisfazione. keep it real!

Articolo di: Nicola Tixi Montisci estratto da Crastulo.it

Comments

Sign In