INTERVISTE

Uzi Junkana Intervista: Tempo Di Splendere

Abbiamo intervistato Uzi Junker, artista di Cagliari che nel 2010 ha sorpreso gli appassionati del genere con l’uscita del disco “Tempo di Splendere“. Con lui abbiamo parlato di musica, presente e futuro: dai pareri sulla scena hip hop nazionale passando per i progetti con la sua nuova etichetta Dolly Recordz e il collettivo Parabellum.

Il tuo disco “Tempo di splendere” è stato uno dei lavori più interessanti del 2010, quanto hai lavorato su questo prodotto e quali sono gli obiettivi che ti sei posto all’uscita? .

Ti ringrazio. La lavorazione del disco mi ha preso un’ anno e mezzo di tempo, volevo dimostrare a tutti il mio potenziale e la mia concezione di disco solista, per questo non mi son messo limiti di tempo ma ho voluto fare le cose nel migliore dei modi.Poi ci tenevo a sfatare questo mito di Uzi come rapper esclusivamente tecnico e privo di argomenti validi. In piu stavo iniziando ad avere la necessità di scrivere di alcune esperienze che ho passato ,piu come sfogo personale che altro.

Il video del tuo singolo è andato oltre le 20 mila visualizzazioni, un risultato importante per te e il tuo collettivo Parabellum. Avete notato una svolta con questo prodotto?

Si il video è andato molto bene, non mi aspettavo questi risultati.
Mi sono arrivati parecchi complimenti,vsopratutto da rappers affermati che stimo parecchio…è stata una grande soddisfazione.

Quali sono i pregi e i difetti del fare hip hop da un’isola come la Sardegna?
E’ difficile trovare serate anche nelle altre città italiane oppure il tuo disco ti ha permesso di girare di più?

Conto piu i difetti dei pregi purtroppo. Abitare in un isola, limita i contatti con le altre citta’ italiane e di conseguenza fare musica con chi non abita nella tua regione è piu difficile, le serate organizzate bene son poche e se c’è una serata figa in un altra città d’Italia devi per forza prendere l’aereo.
Per lo stesso motivo è difficle suonare fuori, anche se qualcosa sembra che si stia muovendo..

Come è la scena hip hop sarda e quali sono state le tue influenze musicali quando hai iniziato a fare questa musica?

Guarda attualmente la scena sarda non mi fa impazzire, molta gente fa rap, ma pochi riescono a essere incisivi…Le persone che mi piacciono alla fine sono quelle con cui collaboro..Quando ho iniziato però sicuramente hanno avuto grande importanza gruppi storici dell’ Isola come Sr Raza, Maku Go & Sardo Triba, la Fossa …sono riusciti a lasciare un segno indelebile perfino nella scena Italiana e riascoltando dischi come Saloon, Wessisla, La Fossa ogni volta mi stupisco di quanto erano avanti e di quanto suonino fighi ancora adesso.

Quali sono gli artisti della scena nazionale, emergenti o meno, che ti incuriosiscono e piacciono di più?

In ogni intervista che leggo, quando si arriva a questa domanda il rapper di turno dice sempre che la scena italiana fa cagare e che lui non ascolta rap itaiano.
Cosa abbastanza ridicola secondo me, è come se uno facesse il pittore e non guardasse neanche i quadri dei suoi colleghi. Non puoi prescindere dall’ascolto, devi renderti conto di cosa fanno gli altri, come lo fanno e sopratutto cosa hanno fatto prima di te. Il problema di fondo e che ormai tutti rappano, o meglio tutti quelli che ascoltano rap, quindi è ovvio che in un paese dove la scena Hip Hop è sempre stata lontana anni luce dal resto d’Europa il livello medio si abbassa. Questo pero’ non vuol dire che in Italia non ci sia gente che spacchi.
Io personalmente in sto periodo son abbastanza legato alla nuova scena romana, mi piace parecchio l’Xtreme team, Gose, Madman etc; son tutti fortissimi ma apprezzo e ascolto un sacco di gente dalla scena di Torino a quella di Milano a Palermo per intenderci. La gente piu che trovare i difetti sempre e ovunque magari dovrebbe soffermarsi piu sui pregi anche se son pochi e anche se quell’artista in particolare non fa proprio lo stesso genere.

Che cosa ascolti in questo periodo nel tuo ipod?

Di americano il nuovo di Redman e l’ultimo di Sheek louch,di Italiano il nuovo tape di Gose, di tedesco Il nuovo progetto di Bushido Fler e Kay one.
Poi nonostante non sia un appassionato di rap francese sto pompando molto Lunatic di Booba che è una bomba.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Sono a lavoro sul nuovo mixtape..in piu in cantiere ho un progetto di cui ancora non posso dire nulla, ma son sicuro che se ne sentirà parlare presto..

Come nasce il progetto Dolly Recordz e quali sono gli obiettivi?

Dolly Recordz nasce con la volonta’ di unire le forze tra amici che condividono la stessa passione e le stesse idee e col sogno di portare il rap sardo fuori dai nostri confini geografici. Per ora le cose sembrano andare bene e non possiamo che essere soddisfatti di cio’.

A cura di Matteo Politanò (estratta da Onlyhiphop.org)

Comments

Sign In